Archivi Autore: michele

Non siamo padroni della nostra identità digitale

La firma digitale accreditata è un metodo con il quale è possibile firmare i documenti (o qualsiasi altro tipo di dato) con lo stesso valore legale che avrebbe la nostra firma in calce ad un foglio. La firma avviene utilizzando un certificato RSA: L’utente utilizza la chiave privata per generare la firma univoca, e poi chi ha bisogno di verificarla utilizza la chiave pubblica per autenticare il documento. Questi certificati sono emessi da degli enti accreditati (quali Aruba e InfoCert) che si occupano anche di identificare la persona a cui viene rilasciato.

Continua

Io adoro Sherlock Holmes (e odio Watson)

Prima di comprare il Kindle PW non ero un assiduo lettore: anzi. A parte qualche manuale ogni tanto, qualche scheda tecnica qua e la e qualche ristretto articoletto nei momenti di attesa ho sempre evitato tutto ciò che di scritto c’era al mondo.

I motivi erano tanti, ma la mia ansia di sapere come qualcosa andava a finire ha sempre preso il sopravvento e, per quanto uno può essere veloce nella lettura, un certo numero di giorni sono comunque richiesti prima di arrivare al finale. Ma leggere fa bene e, infondo, mi piaceva anche. Dopo aver leggiucchiato qualcosa su Holmes sul mio tablet che senza dubbio stava stuprando allegramente le mie retine ho deciso, rafforzato da un’offerta in corso sul PW, di lanciarmi nell’acquisto.

Continua

MariaDB vs MySQL

Combattere con delle risorse limitate non è sempre semplice. Aver poi a che fare con un animale così mutevole quale è MySQL complica ulteriormente l’esistenza.
Nella fattispecie MySQL 5.7 sembra non essere mai sazio di memoria, nonostante le impostazioni ultra conversative che (mio malgrado) gli ho appioppato. A nulla serve bacchettarlo più e più volte ricordandogli che quel Giga (chiamamoli alla Vodafone. Si, mi sto odiando da solo) di RAM non è tutto il suo. Pian pianino, partendo dal 4% fino ad oltre il 70, se lo consumerà tutto fino a portare il sistema a swappare, anche senza carico sul server.

Continua

Aruba Cloud: Object Storage

L’Object Storage è la soluzione Aruba per la distribuzione rapida, indipendente e localizzata di grandi quantità di dati e a grandi velocità. Questo tipo di servizi diventano indispensabili quando si deve gestire una utenza distribuita ed esigente e sono la boa di salvezza che consente di non sovraccaricare i propri server. Non solo: essendo il servizio accessibile sia tramite HTTP(s) che FTP(s), è possibile utilizzarlo per salvare dati anche da apparecchi esistenti che possono utilizzare solo protocolli standard, come DVR, telecamere IP e così via.

Continua

BitLocker sveglia il can che dorme

Tralasciamo il perché io abbia attivato BitLocker, il percome e il perdove. Scrivo questo articolo per sottolinearne un suo difetto e proporne una soluzione. Sembra, infatti, che BitLocker proprio non sia in grado di lasciare in pace gli hard disk da esso crittografati; ogni oretta e mezza circa, quindi, sentivo il rumore del mio hard disk che si avviava e dopo 5 minuti, come da prassi, tornava a spegnersi. Il motivo? BitLocker, a intervalli variabili tra i 60 e i 90 minuti, “punzecchia” i suoi hard disk.

Continua

Aruba Cloud: Guida alla scelta delle taglie

Approcciarsi al mondo dell’hosting unmanaged non è sempre semplice, ed è sicuramente difficile, per un novellino, rendersi conto delle risorse di cui la propria destinazione d’uso avrà bisogno. Le variabili sono tante ma confido che, al termine di questa lettura, avrete sicuramente le idee più chiare.

Come un normalissimo PC una VPS ha una certa quantità di RAM, di banda, di CPU e così via. Ma a me, quanta ne serve?

Continua