Aruba Cloud: La recensione completa

Le VPS sono la naturale evoluzione dello shared hosting. Non appena le esigenze personali vanno un tantino oltre, infatti, le limitazioni saltano subito fuori ricordandoti che la tua libertà finisce dove inizia quella dell’amministratore. Gestirne una ormai non è complicatissimo, basta un po’ di pazienza. E se poi si possono anche avere 10 euro di credito gratuito, perché non provare?

Aruba mette a disposizione diversi datacenter tra cui scegliere, a seconda delle nostre esigenze:

Il pannello principale è molto chiaro. Con un solo colpo d’occhio è possibile tenere sotto controllo ed accedere ad ognuno dei servizi acquistati:

Andiamo subito a creare una VPS:

a3

Ma qual è la differenza tra Cloud Server Smart e Pro?

Ciò che subito salta all’occhio è la clientela a cui le diverse formule sono destinate. I Pro, infatti, nascono per soddisfare le esigenze professionali degli addetti ai lavori, con maggiori garanzie e possibilità di scelta in fase di configurazione. Alcuni dei vantaggi della versione “Pro” includono:

  • Prestazione garantite (50%)
  • SLA 99,95%
  • Fino a 500GBx4 HD su SAN
  • Fino a 32GB di RAM
  • Hardware ridondato
  • Possibilità di scegliere tra VMWare ed Hyper-V
  • Fino a 5 IP pubblici aggiuntivi, con possibilità di creare reti private tra le proprie macchine
  • Traffico illimitato
  • Quantità di risorse completamente personalizzabile

Il Cloud Server Smart, di cui parliamo oggi, viene fornito in quattro diverse taglie, e diversi template che spaziano da Windows Server, a Ubuntu, a CentOS. Trovate una piccola guida su come scegliere la taglia giusta qui. Nel processo di attivazione avrete modo anche di preconfigurare la password di root. Il deploy della VPS, nel mio caso, ha richiesto poco più di 4 minuti, un tempo più che ragionevole. Durante la stesura del presente ho incontrato difficoltà nell’attivare Extra Control, che nonostante fosse installato e correttamente attivato, non veniva rilevato dal pannello di configurazione. Prontamente contattata l’assistenza tramite ticket online, ho ricevuto una telefonata dopo una trentina di minuti da un operatore che mi faceva notare che, lo stato del servizio in questione, cambia dopo 24 ore dall’installazione. (cosa che, comunque, avrei specificato da qualche parte per evitare fraintendimenti) Nel caso le cose non fossero andate per il verso giusto, poi, si è subito offerto di dare un’occhiata alla VPS e di sistemare lui le cose per me.

Il pannello principale è completo e fornisce a colpo d’occhio tutto ciò di cui si può solitamente aver bisogno:

a36

Particolarmente degna di nota è la funzione snapshot disponibile pubblicamente (chi ha utilizzato VMWare o Hyper-V sa di cosa parlo) e gratuitamente; questa consente di salvare per 2 giorni una istantanea della macchina virtuale così, se qualcosa dovesse andare storto durante modifiche o esperimenti, è possibile ripristinarla con un click. Il tab statistiche, poi, è in grado di fornire informazioni sulle risorse della macchina: qui potremo trovare dei grafici che rispecchiano il reale uso su base oraria, giornaliera o settimanale.

Ora direi che è il caso di passare ai numeri, attraverso ad una serie di test “classici” (che ricordo essere fatti su una taglia S: 1 CPU, 1 GB di RAM, 20 GB SSD).

Il test del kernel

Compilare Linux è sempre stata una operazione esosa e il tempo che richiede è significativo per valutare le VPS nel loro complesso. Scaricare il tar.xz di Linux 4.4.2 ha richiesto esattamente un secondo (ricordo che stiamo usufruendo di una linea a 1 Gbit), estrarlo 14 secondi e compilarlo con la config di default 2 ore e mezza. Ovviamente questa tempistica è sicuramente nella norma considerato che stiamo parlando di una macchina single core.

a7

Il dd test

Forse poco significativo, ma fa sicuramente impressione vedere che queste VPS sono capaci di scrivere 11GB a ben 730 MB/s

a8

Bonnie++

Confermiamo ancora una volta l’estrema efficienza dello storage che, a differenza di altri competitor, sembra proprio non sarà mai motivo di colli di bottiglia!

a10

Vpsbench:

CPU model:  Intel(R) Xeon(R) CPU E5-2650L v3 @ 1.80GHz
Number of cores: 1
CPU frequency:  1799.999 MHz
Total amount of RAM: 993 MB
Total amount of swap: 951 MB
System uptime:   1:31,
I/O speed:  721 MB/s
Bzip 25MB: 8.36s
Download 100MB file: 69.8MB/s

Network speed tests

Vediamo ora come si comporta il network a cui la VPS è collegata. Di seguito un po’ di download tests, che possiamo riassumere così:

  • Europa: 70MB/s
  • USA: 30MB/s
  • Asia: 10MB/s
a11

Speedtest di tele2.net (Svezia)

a12

Speedtest reliableservers.com (Stati uniti)

Speedtest internode (AU)

Speedtest internode (Australia)

 

 

 

 

 

Speedtest linhost.info (Giappone)

Speedtest linhost.info (Giappone)

Speedtest Kpnqwest (Italia)

Speedtest Kpnqwest (Italia)

Download da una macchina nello stesso datacenter (DC1)

Download da una macchina nello stesso datacenter (DC1)

 

 

 

 

 

 

E infine un upload test:

a17

Speedtest di tele2.net (Svezia)

Network latency tests

Dedichiamoci un po’ al classico ping ora, che ne dite? (valori medi)

  • 8.8.8.8: 7,774 ms
  • DC1<->DC1: 0,745 ms
  • tim.it: 14,808 ms
  • 108.61.5.91 (USA): 100,448 ms
  • 150.101.135.3 (Australia): 324,774 ms
  • 106.187.96.148 (Giappone): 285,020 ms
  • google.it: 17,327 ms
  • nvidia.com: 172,901 ms

HTTP test

Torniamo ora a valutare la VPS nel suo complesso. Come si comporta in uno degli usi più classici, ovvero servire dei siti web? Iniziamo col noto test di pingdom.com:

a18

Siege vs nginx (15 utenti):

** SIEGE 3.0.5
** Preparing 15 concurrent users for battle.
The server is now under siege…
Lifting the server siege…      done.
Transactions:                  25823 hits
Availability:                 100.00 %
Elapsed time:                 599.20 secs
Data transferred:              58.59 MB
Response time:                  0.35 secs
Transaction rate:              43.10 trans/sec
Throughput:                     0.10 MB/sec
Concurrency:                   14.99
Successful transactions:       25823
Failed transactions:               0
Longest transaction:            1.35
Shortest transaction:           0.33
Siege vs nginx (50 utenti):
** SIEGE 3.0.5
** Preparing 50 concurrent users for battle.
The server is now under siege…
Lifting the server siege…      done.
Transactions:                  86066 hits
Availability:                 100.00 %
Elapsed time:                 599.87 secs
Data transferred:             195.27 MB
Response time:                  0.35 secs
Transaction rate:             143.47 trans/sec
Throughput:                     0.33 MB/sec
Concurrency:                   49.98
Successful transactions:       86066
Failed transactions:               0
Longest transaction:            1.35
Shortest transaction:           0.33
Siege vs nginx (300 utenti):
** SIEGE 3.0.5
** Preparing 300 concurrent users for battle.
The server is now under siege…
Lifting the server siege…      done.
Transactions:                 177898 hits
Availability:                 100.00 %
Elapsed time:                 599.86 secs
Data transferred:             403.61 MB
Response time:                  1.01 secs
Transaction rate:             296.57 trans/sec
Throughput:                     0.67 MB/sec
Concurrency:                  299.16
Successful transactions:      177898
Failed transactions:               0
Longest transaction:           15.35
Shortest transaction:           0.33
Siege vs nginx (500 utenti):
** SIEGE 3.0.5
** Preparing 500 concurrent users for battle.
The server is now under siege…
Lifting the server siege…      done.
Transactions:                 197955 hits
Availability:                  99.98 %
Elapsed time:                 599.75 secs
Data transferred:             449.12 MB
Response time:                  1.50 secs
Transaction rate:             330.06 trans/sec
Throughput:                     0.75 MB/sec
Concurrency:                  493.83
Successful transactions:      197955
Failed transactions:              39
Longest transaction:           31.54
Shortest transaction:           0.33

Qualità degli indirizzi IP

Dedico un piccolo paragrafo a chi come me ha voluto, o vuole, metter su un proprio mail server. Per quanto mi riguarda, entrambi gli indirizzi IP che mi sono stati forniti da Aruba sono risultati puliti. Nessuna blacklist li includeva tranne una, che come ragione dava un bel “spammy neighborhood”, che significa che in passato ci sono stati IP nella stessa subnet che consegnavano spam. Non è dato sapere se questi buontemponi siano ancora attivi oppure sia solo l’effetto di uno scarso controllo da parte di chi ha ceduto gli IP ad Aruba, fatto sta che se vorrete inviare le vostre mail direttamente potrete farlo, in quanto è molto probabile che gli indirizzi forniti non saranno in lista nera. Impostare poi il reverse DNS sarà semplicissimo (si può fare direttamente dal pannello) e senza costi aggiuntivi.

Servizi accessori

In caso ne aveste bisogno, l’azienda offre anche un servizio di monitoraggio, di memorizzazione e distribuzione dei contenuti e di backup.

Conclusioni

Questo è, semplicemente, uno dei migliori servizi Cloud disponibili. Offre ottime macchine ad un prezzo ragionevole, con taglie e possibilità di personalizzazione per tutti i gusti e tutte le tasche. Il fatto che siano supportate poi da un’ottima connettività e da una eccellente e veloce assistenza, fa si che io non possa non consigliarvi il servizio nostrano. Ricordo infine che toccare con mano l’impegno che Aruba ha messo e sta mettendo nel servizio è gratuito e senza impegno.

3 commenti su “Aruba Cloud: La recensione completa”

  1. Gianmarco Rispondi

    Ma una m ce la fa con un sito buddypress zeppo di plugin?
    In hosting condiviso ho un primo byte a 5secondi.. poi la macchina manda tutto un 2 secondi..

    Credo che rimane a processare … poi spara la pagina

    Un cloud m accorgerebbe quella attesa?

    • michele Rispondi

      Sicuramente i tempi si accorcerebbero poiché avresti una cpu (seppur virtuale) tutta per te. Ti consiglio di provare con una S prima se ce la fai con ram e storage e di cercare un pochino di alleggerire il setup

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.